L’era delle benefit company: che cosa sono e perché investirci

Blog di Crowdfunding

L’era delle benefit company: che cosa sono e perché investirci

Aprile 26, 2023 Economia e Finanza

In un’epoca in cui la salvaguardia del pianeta e il rispetto dei diritti umani sono temi all’ordine del giorno, le benefit company rappresentano un nuovo concetto di azienda che può fare la differenza nel futuro della produzione e del consumo. Proprio per questo sono una realtà che ogni investitore al passo con i tempi dovrebbe conoscere: gli investimenti sostenibili sono il presente e il futuro.

Il concetto di “società benefit” è mutuato da quello americano di “benefit corporation”, che indica un nuovo modello di impresa nato ufficialmente a partire dal 2010 e normato nei diversi Stati USA negli anni seguenti, fino ad arrivare nella normativa italiana nel 2016. La Legge di Stabilità 208/2015 fa dell’Italia il secondo Stato al mondo a introdurre nella propria normativa le società benefit. L’ispirazione è nata dalla certificazione B Corp, in uso già dal 2006 su iniziativa di un ente no profit statunitense per misurare l’impatto sociale e ambientale delle aziende.

Una benefit company è un’impresa che inserisce ufficialmente tra i propri obiettivi, accanto al profitto economico, un impatto positivo di varia natura sulla società e sull’ambiente, impegnandosi ad agire in modo responsabile, sostenibile e trasparente in tale direzione.

Quali sono le differenze tra una società benefit e una società tradizionale?

Come spiega la definizione di base del concetto, le benefit company hanno obiettivi socio-ambientali oltre che economici, a differenza delle società tradizionali che hanno come unico obiettivo il profitto, pur potendo perseguire tale obiettivo con principi d’azione improntati alla sostenibilità.

Per essere società benefit, infatti, non basta una dichiarazione d’intenti e nemmeno un’azione dimostrativa: è una forma giuridica che prevede l’introduzione, nello statuto societario, dell’obiettivo esplicito di perseguire effetti positivi su persone, comunità, territori e ambiente, beni o attività culturali e sociali, che deve essere bilanciato con l’obiettivo del profitto. 

Per questo le benefit company sono tenute a presentare ogni anno una relazione sull’impatto dell’azienda per quanto concerne gli obiettivi statutari, che dimostri in maniera trasparente le azioni compiute e predisponga gli impegni per il futuro. Deve essere nominato in azienda un “responsabile d’impatto”, una figura che coordini le attività finalizzate a raggiungere gli obiettivi sociali e di sostenibilità.

Una benefit company, quindi, ha obblighi diversi rispetto a una società tradizionale, dichiarati nell’oggetto sociale e nello statuto societario. In assenza di questi obblighi con specifico valore legale, i manager di un’azienda non sono titolati ad agire e prendere decisioni in funzione di interessi diversi da quelli finanziari dei soci, perciò questa forma giuridica garantisce anche precise tutele legali.

Con l’introduzione della forma giuridica della benefit company, la creazione di valore sociale e ambientale entra a far parte del business model stesso dell’azienda.

Perché investire in una benefit company

In Italia ci sono più di duemila società benefit, secondo i dati più recenti (2022), e il numero è in continua crescita. La pressione sulle imprese a diventare benefit company (o a nascere già come tali) deriva da due spinte:

  • le agevolazioni fiscali e i privilegi previsti per questo tipo di aziende, soprattutto a partire dal Decreto Rilancio del 2020;
  • la maggiore capacità di attrarre investimenti di questo tipo di aziende rispetto a quelle tradizionali.

Entrambi i punti sono un effetto della nuova e crescente consapevolezza su temi quali la sostenibilità ambientale e la responsabilità sociale sia a livello individuale sia a livello istituzionale.

Questa consapevolezza e l’urgenza dei cambiamenti nei modelli di produzione e consumo attuali rendono i business sostenibili anche più redditizi di quelli tradizionali, come dimostra il successo delle imprese certificate ESG

Ecco perché le benefit company sono di particolare interesse per gli investitori: hanno in media performance migliori rispetto alle società tradizionali e garantiscono quindi maggiori ritorni sugli investimenti, offrono maggiore trasparenza nelle comunicazioni e grazie a una governance più attenta mediamente sanno rispondere meglio al rischio e si prospettano più solide. 

A proposito di investimenti: il nostro hub predilige ormai da tempo i progetti green, soprattutto sul nostro portale di lending crowdfunding, Crowdlender. Vuoi scoprire quali campagne sono in corso?

POTREBBE ANCHE PIACERTI

Campagna di crowdfunding: quanto capitale serve per iniziare a investire?

Nell’ambito del crowdfunding come strumento finanziario, molti neofiti si chiedono quanto iniziare a investire. Questo dipende, anzitutto, dalla tipologia di crowdfunding in questione,...

L’equity crowdfunding di Petforce Srl per sostenere il benessere alimentare di cani e gatti

Petforce Srl è un’azienda specializzata nella distribuzione di cibo per cani e gatti e caratterizzata da un profondo amore e rispetto verso gli animali....

Comunicare le imprese innovative in crowdfunding: una chiacchierata su AI, podcast e comunicazione del futuro con Silvia Favulli di SCAI Comunicazione

Una buona strategia di comunicazione è tra le chiavi del successo per le imprese innovative in campagna...

Cosa succede dopo: come il peer-to-peer lending ha davvero aiutato le imprese

Il peer-to-peer lending è uno strumento di finanziamento alternativo che ha aiutato molte imprese a crescere e sostenere i loro progetti, ma anche a farsi conoscere e a costruire...