Investimento facile e sicuro Opstart

Affida i tuoi investimenti ad un team di professionisti da sempre all'avanguardia nel settore fintech

Assistiamo con passione e cura i nostri clienti, aziende e investitori,
per guidarli al meglio in ogni fase del processo.

La stessa attenzione viene riposta nella valutazione dei progetti:
selezioniamo aziende ad alto potenziale di crescita, con una ricaduta positiva sull’economia reale e con un’attenzione alla sostenibilità.

Opstart crede in un ambiente finanziario più democratico,
per gli investitori e per le aziende.

Contatta il nostro team per iniziare a investire o per proporre il tuo progetto.

CONTATTACI

Chi Siamo

Opstart è un fornitore di servizi di crowdfunding autorizzato con delibera Consob n. 22932 del 12/12/2023 ai sensi del Regolamento (UE) 2020/1503. Opera attraverso la piattaforma per la raccolta di capitali online www.opstart.it, nonché le sue sezioni separate dedicate, rispettivamente, al debito (www.crowdbond.it) e al lending (www.crowdlender.it).

Abbiamo l’ambizioso obiettivo di introdurre nuove soluzioni per fornire capitali all’economia reale e offrire opportunità di investimento alternative e diversificate agli investitori, basate sullo strumento del crowdfunding e sulle più avanzate tecnologie fintech. Grazie alla nostra passione e alla competenza della nostra squadra, nel 2020 ci siamo qualificati come primo portale italiano per raccolta di capitali in Equity Crowdfunding. Ad oggi, Opstart è il primo e unico gestore in Italia a operare in tutti gli ambiti del crowdinvesting - equity, lending e debt crowdfunding - e a proporre agli investitori e alle aziende soluzioni sempre più flessibili e adatte alle loro esigenze.

L’innovazione è nel nostro DNA: abbiamo introdotto nel mercato alcune delle principali rivoluzioni del nostro settore, tra cui Crowdlisting, Crowdarena - la prima bulletin board a livello europeo, e Crowdbridge, il finanziamento ponte in lending crowdfunding per startup e PMI in attesa di un evento finanziario certo. Ci rivolgiamo ad una platea di investitori alla ricerca di modalità di investimento alternative, più accessibili e più smart, e che valutano un’opportunità anche per il suo impatto sociale, ambientale e innovativo, oltre che per il suo risvolto economico. Crediamo che il settore finanziario abbia un ruolo essenziale nel disegno di un futuro migliore e più sostenibile.

Opstart - Fintech Investing Hub

Nel 2020 Opstart ha ampliato il suo bacino di attività, diventando l’unico fintech hub in grado di offrire agli investitori e alle imprese, gli strumenti di crowdinvesting più adatti alle loro esigenze: lending, debt e equity crowdfunding. Abbiamo quindi ampliato la nostra offerta anche agli strumenti di debito, con il lancio di:

  • Crowdbond, il portale dedicato al collocamento di bond e minibond
  • Crowdlender, il portale dedicato al lending crowdfunding

A completare l’offerta di Opstart, abbiamo introdotto:

  • Crowdre, divisione verticale dedicata al real estate crowdfunding
  • Crowdarena, la prima bacheca elettronica dedicata allo scambio quote di Startup e PMI a livello europeo
  • Crowdlegal, la nostra divisione dedicata al legal action crowdfunding
  • Crowdlisting, un percorso a marchio registrato attraverso il quale è possibile replicare, con tempi e costi estremamente contenuti, le costose IPO in borsa grazie all’unione di equity crowdfunding e direct listing
  • Crowdbridge, soluzione innovativa di finanziamento ponte in lending crowdfunding

All’interno nel nostro fintech hub a breve sarà lanciata una divisione dedicata alle Utility e Security Token.

In tutti i portali di Opstart, l’utente può effettuare l’accesso con le stesse credenziali, senza doversi registrare ogni volta. Facile, no?

I nostri Partner

Logo Warrant Hub Partner di Opstart
Logo Banca Finint Partner di Opstart
Logo directa Partner di Opstart
Logo Assofintech Partner di Opstart
Logo Osservatori Partner di Opstart
Logo Politecnico Partner di Opstart
Logo dwf Partner di Opstart
Logo Easyfintech Partner di Opstart
Logo Bluegreen Partner di Opstart
Logo Bhlending Partner di Opstart
Logo Extrafunding Partner di Opstart
Logo Gopmi Partner di Opstart
Logo Crowdkasse Partner di Opstart
Logo Blue Seedset Partner di Opstart
Logo Easytech Partner di Opstart
Logo Valeo Partner di Opstart
Logo MIT Partner di Opstart
Logo Scai Partner di Opstart
Logo Banca Valsabbina Partner di Opstart
Logo Lemonway Partner di Opstart
Logo Sfirs Partner di Opstart
Logo Reti Fidi Liguria Partner di Opstart
Logo Garanzia Etica Partner di Opstart
Logo Saffi Partner di Opstart
Logo Monte Titoli Partner di Opstart
Logo Euronext Partner di Opstart
Logo iwise Partner di Opstart
Logo Bergamo Associati Partner di Opstart
Logo The Best Equity Partner di Opstart
Logo TurboCrowd Partner di Opstart
Logo Adv+ Partner di Opstart
Logo AZero Partner di Opstart

Come operiamo

LA SELEZIONE

La selezione dei progetti è il nostro fiore all'occhiello. La valutazione viene eseguita da un team di analisti esperti, con il supporto strumenti e metodologie affinati nel corso degli anni, grazie al quale selezioniamo solamente aziende con un potenziale interessante e con un percorso di sviluppo strutturato. L'impegno nel processo di valutazione si rispecchia in due dati molto importanti:
- l'equity crowdfunding index di Opstart nel 2023 è pari a 230, contro una indice di mercato pari a 177,50. Ben 50 punti sopra la media! L'indice è calcolato dall'Osservatorio sul crowdinvesting del Politecnico di Milano e rappresenta la rivalutazione media delle società che hanno fatto una campagna di equity crowdfunding.
- 100% di restituzione del capitale e degli interessi agli investitori che si sono affidati a Crowdlender: le aziende selezionate si confermano quindi solide e in grado di corrispondere i pagamenti dovuti nei tempi stabiliti.

PREPARAZIONE AL CROWDFUNDING

Tutte le società selezionate per realizzare una campagna di crowdfunding su Opstart sono accompagnate in una fase preparatoria da alcune figure chiave: il nostro team di analisti, il quale - una volta validata la società - si occupa di guidare l’impresa nella predisposizione amministrativa e finanziaria dell’operazione; e il Campaign Manager, che accompagna l’offerente nella costruzione della campagna e della migliore strategia di comunicazione per far sì che sia un successo. Entrambi questi aspetti sono essenziali per la buona riuscita di una raccolta online! Il periodo che precede l’apertura della campagna è fondamentale: spesso il risultato viene determinato già dal lavoro svolto nelle fasi preliminari.

INVESTIRE SU OPSTART

Ogni investitore ha a disposizione tutte le informazioni necessarie per decidere con piena consapevolezza su quali progetti investire. Oltre alle informazioni specifiche su ciascuna campagna - disponibili all’interno della pagina web dedicata all’azienda in raccolta e nell’apposita scheda di investimento relativa - alla sezione Come funziona si trova un percorso di approfondimento sulle diverse tipologie di crowdfunding e su tutto ciò che è utile sapere prima di investire. Per una conoscenza completa si può consultare anche la pagina Informativa relativa alla gestione del portale, la pagina Domande frequenti e il nostro blog. Inoltre, il nostro team di Customer and Investor Relations è disponibile per supportare gli investitori durante tutto il processo e può essere contattato prenotando una call dalla propria area personale.

INNOVAZIONE FINTECH

La competenza e la passione con cui svolgiamo il nostro lavoro ci hanno portato a introdurre nel mercato alcune delle innovazioni più importanti del settore, come ad esempio il Regime alternativo di intestazione delle quote; Crowdbridge, il finanziamento ponte in lending crowdfunding dedicato alle aziende in attesa di un evento finanziario certo; Crowdarena, la prima bacheca elettronica per lo scambio quote e Crowdlisting, il percorso che unisce equity crowdfunding e direct listing per replicare gli effetti di una IPO in borsa a costi e tempistiche contenuti.

Avvertenze e informazioni legali

In conformità̀ alle disposizioni dettate dalla Consob, Opstart:

Si astiene dal formulare raccomandazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto delle singole offerte atte ad influenzare l’andamento delle stesse;

Non diffonde notizie che non siano coerenti con le informazioni pubblicate sul portale;

Non detiene somme di denaro di pertinenza degli investitori;

Non esegue direttamente gli ordini per la sottoscrizione degli strumenti finanziari offerti sul proprio portale, dovendo a tal fine trasmetterli agli intermediari autorizzati scelti per ogni offerta;

Non è un intermediario finanziario, pertanto non può e non intende prestare denaro;

Non interviene sulle informazioni riguardanti l’offerente che, pertanto, rimane l’esclusivo responsabile della completezza e della veridicità dei dati e delle informazioni forniti.

OPSTART Srl, con CF e P.IVA 04067590168 ed iscrizione al Registro delle Imprese di Bergamo BG-432364 , è una società iscritta nella sezione speciale del registro delle imprese dedicata alle PMI innovative dall’ 12 giugno 2020. Il capitale sociale, interamente versato, è di Euro € 143.180,71.

La sede legale è a Bergamo, Largo Adua, 1.

Nessun provvedimento sanzionatorio o cautelare adottato dalla Consob.

Inizio dell’attività l’11 Novembre 2015 senza alcuna interruzione.

Il consiglio di amministrazione:

  • Giovanpaolo Arioldi: Presidente del consiglio di amministrazione;
  • Hermes Bianchetti: Consigliere;
  • Gabriele Villa: Consigliere;
  • Anna Raschi: Consigliere;
  • Giorgio Alfieri : Consigliere;

Soggetti che detengono partecipazioni almeno pari al 20% del capitale sociale

I seguenti soci di Opstart Srl detengono partecipazioni almeno pari al 20% del capitale: Giovanpaolo Arioldi

STATISTICHE DEL FINTECH HUB DI OPSTART

TOTALE CAPITALI RACCOLTI E NUMERO DELLE CAMPAGNE

Opstart
equity crowdfunding
Crowdlender
lending crowdfunding
Crowdbond
debt crowdfunding
Totale annuo
CAPITALI N° CAMPAGNE DI SUCCESSO CAPITALI N° CAMPAGNE DI SUCCESSO CAPITALI N° CAMPAGNE DI SUCCESSO CAPITALI N° CAMPAGNE DI SUCCESSO
2016 € 215.100,00 2 - - - - € 215.100,00 2
2017 € 1.363.800,00 9 - - - - € 1.363.800,00 9
2018 € 2.619.350,00 20 - - - - € 2.619.350,00 20
2019 € 2.640.241,00 14 - - - - € 2.640.241,00 14
2020 €16.606.248,03 27 - - - - €16.606.248,03 27
2021 € 26.541.079,503 43 € 1.581.255,00 8 € 5.115.000,00 5 € 33.237.334,50 56
2022 € 7.326.603,50 20 € 2.746.218,000 24 € 5.380.000,00 7 € 15.452.821,50 51
2023 € 5.047.941,57 19 € 6.573.395,43 59 € 2.170.000,00 3 € 13.791.337,00 81
Totale hub € 62.360.363,60 154 € 10.900.868,43 91 € 12.665.000,00 15 € 85.926.232,03 260

Tasso di default

(dati riferiti alle divisioni Crowdbond e Crowdlender)

Ai sensi dell’art.20 del Regolamento 1503/2020 in questa sezione viene pubblicato il Tasso di Default relativo ai progetti presentati sulla Piattaforma. Il regolamento prevede che con cadenza annuale il Portale debba pubblicare per ogni anno i tassi di default dei progetti di crowdfunding offerti sulla piattaforma. Un report che copra almeno i 36 mesi precedenti aggiornato ogni anno entro 4 mesi dalla chiusura di ciascun esercizio indicando il tasso di default previsto ed effettivo di tutti i prestiti promossi dal Portale.

Tasso di default dei prestiti offerti sulla piattaforma ai sensi dell’art. 20, paragrafo 1 lettera a)

Arco temporale in esame Tasso di default
2021 0,00%
2022 0,00%
2023 0,00%
Totale Finanziato 0,00%

Di seguito viene riportato il metodo di calcolo. Ogni percentuale è determinata come segue:

Tasso di default = (numero di progetti che almeno una volta nell'anno sono stati in stato di default) /(numero totale dei progetti nell'anno) %

Tasso di default effettivo dei prestiti offerti sulla piattaforma per categoria di rischio ai sensi dell’art. 20, paragrafo 1 lettera b) i)
In adempimento alle norme regolamentari, i seguenti dati sono aggiornati entro 4 mesi dalla chiusura di ogni esercizio.

Arco Temporale in esame 1 2 3 4 5 6 7
2021 0,00% 0,00% 0,00% 0,00% 0,00% 0,00% 0,00%
2022 0,00% 0,00% 0,00% 0,00% 0,00% 0,00% 0,00%
2023 0,00% 0,00% 0,00% 0,00% 0,00% 0,00% 0,00%
Totale Finanziato 0,00% 0,00% 0,00% 0,00% 0,00% 0,00% 0,00%

Viene di seguito riportato il metodo di calcolo. Ogni percentuale, per categoria di rischio, è determinata come segue:

Tasso di default = (numero di progetti che almeno una volta nell'anno sono stati in stato di default nella categoria di rischio per la quale è calcolato il tasso di default) /(numero totale dei progetti nell'anno della categoria di rischio per la quale è calcolato il tasso di default) %

Il totale è frutto della media semplice del tasso di default annuale per categoria di rischio osservato nell’intero periodo storico.

Tasso di default previsto dei prestiti offerti sulla piattaforma per categoria di rischio ai sensi dell’art. 20, paragrafo 1 lettera b) i)
In adempimento alle norme regolamentari, i seguenti dati sono aggiornati alla chiusura dell’esercizio dell’anno.

Il Tasso di default previsto fornisce una stima della percentuale dei prestiti non in stato di default che si prevede andranno in default in un periodo di osservazione di un anno.
Le stime sono basate sui tassi di default effettivi.

Arco Temporale in esame 1 2 3 4 5 6 7
2023 0,00% 0,00% 0,00% 0,00% 0,00% 0,00% 0,00%

Legenda:
1 = profilo di rischio molto basso
2 = profilo di rischio basso
3 = profilo di rischio medio basso
4 = profilo di rischio medio
5 = profilo di rischio medio alto
6 = profilo di rischio alto
7 = profilo di rischio molto alto

FAQ

Cosa si intende per Default?
La definizione è offerta dall’art. 1 del Regolamento 2022/2115 un particolare prestito è in stato di default quando si verificano entrambe le seguenti condizioni:
a) è improbabile che, senza il ricorso ad azioni quali l’escussione delle garanzie, il titolare di progetti rimborsi integralmente o adempia altrimenti alle sue obbligazioni creditizie relative al prestito in questione;
b) il titolare di progetti è in arretrato da oltre 90 giorni su un’obbligazione creditizia rilevante relativa al prestito in questione.

È STATO MODIFICATO IL PIANO DI AMMORTAMENTO PREVEDENDO UN PIANO DI RIENTRO: SI CONSIDERA ARRETRATO?
Dipende. Nel caso in cui il contratto di credito consenta esplicitamente al titolare di progetti di modificare il piano di rimborso, di sospendere o di differire i pagamenti a determinate condizioni e il titolare di progetti agisca nel quadro dei diritti riconosciuti dal contratto, le rate che sono state oggetto di modifica, di sospensione o di dilazione non sono considerate come in arretrato, ma il conteggio dei giorni di arretrato è basato sul nuovo piano di rimborso, una volta specificato.

SINTESI DELLE IPOTESI USATE PER DETERMINARE I TASSI DI DEFAULT PREVISTI:
a) è avvenuta una ristrutturazione onerosa dell’obbligazione creditizia relativa al prestito in questione, che implica verosimilmente una ridotta obbligazione finanziaria dovuta a una remissione sostanziale del debito o al differimento dei pagamenti del capitale, degli interessi o, se del caso, delle commissioni;
b) il titolare di progetti ha chiesto o è stato posto in stato di fallimento o situazione assimilabile, ove ciò impedisca o ritardi il rimborso agli investitori dell’obbligazione creditizia relativa al prestito in questione.

Lavora con noi

Fai una domanda

INVIA