Piccole e medie imprese: una giornata per celebrare l’economia reale italiana

Blog di Crowdfunding

Piccole e medie imprese: una giornata per celebrare l’economia reale italiana

Giugno 27, 2024 Economia e Finanza

Il 27 giugno si celebra la Giornata delle Micro, Piccole e Medie Imprese, che rappresentano la maggior parte del tessuto produttivo dell’economia italiana.

Su 4,4 milioni di imprese attive in Italia, ben il 95,13% circa sono micro imprese e il 4,78% circa sono PMI, ma queste ultime sono responsabili, da sole, del 41% dell’intero fatturato generato in Italia e del 33% dell’insieme degli occupati del settore privato (fonte: Osservatorio Digital Innovation del Politecnico di Milano). 

Se si considera che le PMI italiane hanno performance di produttività migliori della media europea, mentre le grandi e le micro imprese italiane restano indietro, si comprende come questo comparto sia il vero cuore dell’economia reale italiana.

Cosa sono le Piccole e Medie Imprese

La definizione di Piccola e Media Impresa è stabilita dalla Raccomandazione della Commissione Europea 2003/361/CE con i seguenti parametri:

  • tra 10 e 249 dipendenti;
  • fatturato annuo inferiore a 50 milioni di euro oppure un totale di bilancio inferiore a 43 milioni di euro.

Un’apposita sezione del Registro delle Imprese in Italia è poi dedicata alla categoria delle PMI innovative, che devono rispettare ulteriori requisiti, già approfonditi in un articolo precedente, e godono degli stessi benefici delle startup innovative.

Il quadro delle PMI italiane

Abbiamo detto che le PMI costituiscono circa il 5% delle imprese italiane (circa 220.000 imprese all’ultimo censimento), ma il loro peso economico è molto più sostanzioso: contribuiscono per il 37,9% alla creazione di valore aggiunto

Fanno parte di questa categoria sia imprese artigianali sia imprese ad alto tasso di innovazione tecnologica, con grandi differenze di mercato, struttura, performance, cultura da una all’altra. Si concentrano prevalentemente nel Nord-ovest d’Italia e nel settore terziario e manifatturiero. Nel Sud Italia sono poche o assenti le grandi imprese, mentre è molto più diffusa la microimpresa.

I dati Istat più recenti (2020) evidenziano che “a livello di settore di attività economica i valori più elevati di produttività si registrano nei settori di fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata (324,8 mila euro), estrazione di minerali da cave e miniere (138,9 mila euro); i valori più bassi si registrano nelle altre attività di servizi (19,3 mila euro), nelle attività dei servizi di alloggio e di ristorazione (22,4 mila euro) e nell’istruzione, con 26,1 mila euro.”

Il peso delle PMI è ancora più facilmente comprensibile se si guarda ai settori tipicamente distintivi dell’economia italiana: le PMI contribuiscono per il 40% del fatturato del settore agroalimentare, per il 43% nel settore della moda e per il 41% nel settore dell’arredo e del design.

Perché le PMI sono essenziali per l’economia reale italiana

Per “economia reale” si intendono tutte le realtà produttive di un Paese, ovvero le imprese che producono e distribuiscono beni e servizi, generando ricchezza e lavoro. È un concetto contrapposto a quello di “economia finanziaria”, di per sé improduttiva: abbiamo approfondito i significati e le differenze delle due economie, strettamente interconnesse, in questo articolo.

L’economia reale italiana, come abbiamo visto, ha un tessuto molto frammentato in realtà piccole e piccolissime, per sua natura fragile e poco produttivo, la cui struttura portante è tenuta in piedi dalle PMI. Nel nostro Paese, infatti, c’è una mancanza cronica di grandi imprese, e le poche che ci sono non raggiungono i livelli di produttività delle omologhe europee e internazionali. Sono le PMI, in definitiva, le imprese più produttive in Italia, cioè quelle in grado di generare un valore aggiunto significativo.

Questo aspetto è essenziale perché la spinta della produttività è il motore di crescita dell’economia di un Paese. Alimentare lo sviluppo delle PMI è quindi fondamentale per alimentare una crescita reale e per aumentare il numero di grandi imprese efficienti in Italia.

Come investire in piccole e medie imprese

Investire nelle piccole e medie imprese italiane significa investire nell’economia reale del nostro Paese e supportarne la crescita, fondamentale per il benessere collettivo. È un investimento concreto, che puoi monitorare da vicino e che porta benefici sia all’investitore sia alla società nel suo complesso, perché finanziando le imprese dà impulso alla circolazione del denaro, alla creazione di posti di lavoro, alla crescita della ricchezza.

Una delle difficoltà principali delle piccole e medie imprese italiane è accedere al credito: ecco perché la finanza alternativa è uno strumento prezioso per le PMI ed è anche un canale privilegiato e molto accessibile per investire in PMI. Anche chi non ha competenze e capitali massicci, infatti, con il crowdfunding può investire in startup e PMI in modo facile (seppure mai privo di rischi) e a partire da piccole somme. Nell’hub fintech di Opstart si trovano tutte le tipologie di crowdfunding attraverso le quali è possibile investire, in base alle proprie esigenze, nelle PMI italiane.

Le stesse istituzioni hanno incentivato negli anni il ricorso al crowdfunding da parte di queste categorie di imprese, riconoscendolo come strumento prezioso per la crescita, e sono previste detrazioni fiscali per gli investimenti in questo ambito.

Stai valutando di iniziare a investire in economia reale? Scopri tutte le campagne di equity crowdfunding attive su Opstart!

POTREBBE ANCHE PIACERTI

Cosa succede dopo: come il peer-to-peer lending ha davvero aiutato le imprese

Il peer-to-peer lending è uno strumento di finanziamento alternativo che ha aiutato molte imprese a crescere e sostenere i loro progetti, ma anche a farsi conoscere e a costruire...

Come iniziare a fare impresa: dall’idea al successo del tuo business

Un’impresa di successo nasce da una buona idea: spesso quando si raccontano queste storie si rievoca l’intuizione iniziale e poi si celebrano i traguardi ottenuti dal business....

Crowdfunding: la guida definitiva dalla A alla Z

Il termine crowdfunding nasce dall’unione delle parole inglesi crowd, che significa folla, e funding, che significa finanziare. In italiano, una traduzione appropriata è “finanziamento collettivo“,...

Euklis: la PMI innovativa che tutela la sicurezza delle persone

Euklis è una PMI innovativa specializzata in sicurezza, analisi video e intelligenza artificiale. Il suo obiettivo è garantire a tutte le persone i migliori standard di sicurezza sia in...