La mobilità elettrica secondo Alpha Mobility

Blog di Crowdfunding

La mobilità elettrica secondo Alpha Mobility

Gennaio 14, 2022 Equity Crowdfunding

Abbiamo intervistato Massimo Ferrarin, CEO di Alpha Mobility: la startup innovativa che cambia le regole nel settore della mobilità elettrica in Italia.

Qual è il tuo percorso professionale e come nasce Alpha Mobility?

Alpha Mobility è una startup innovativa. Rappresenta un’azienda giovane e dinamica che opera nel settore della mobilità elettrica; nasce nel 2020 da un team di imprenditori e ingegneri con un’esperienza decennale nel settore dell’automazione industriale. Alpha Mobility ha l’obiettivo di integrare perfettamente principi ambientali, sociali e di buona governance, facendo del proprio core business il noleggio e la vendita di stazioni di ricarica con un sistema di gestione unico al mercato.
In particolare io sono laureato in Economia Aziendale, sono socio e fondatore della Fabbro Souvenir che è l’attività principale mia e della mia famiglia. L’azienda è il leader europeo nel settore dei souvenir. Inoltre, sono amministratore in diverse società in Italia, Grecia e Cambogia. 

Con la pandemia, il settore dei souvenir è entrato in crisi; essendo molto creativo, voglio cogliere questo megatrend dell’elettrico e voglio farlo andando a colmare il grande deficit sul mercato, ovvero l’assenza delle stazioni di ricarica.

Chi c’è al tuo fianco in questo percorso? Come si compone il tuo team?

La compagine sociale
  • FER.IM SRL (45% delle quote): società holding ad immobiliare, facente capo a Massimo Ferrarin, CEO e amministratore unico di Alpha Mobility e imprenditore di successo. La società, con sede ad Udine, importa prodotti dalla Cina da oltre 20 anni. Dispone di aziende in Cambogia, Hong Kong e Grecia;
  • Marco Poiani (22,50% delle quote): imprenditore di successo, romano, con lunga e solida esperienza nella distribuzione;
  • DOLPHIN SRL (22,50% delle quote): azienda impegnata da 15 anni nella progettazione di applicazioni industriali speciali. Da circa 10 anni si occupa inoltre di energie rinnovabili e monitoraggio energetico;
  • RAFFAELE RASIO (5% delle quote): imprenditore di successo, con lunga e solida esperienza nel settore assicurativo; professore universitario di Marketing presso La Sapienza;
  • MAURIZIO RASIO (5% delle quote): imprenditore di successo, proprietario di un’agenzia di comunicazione cross mediale RealTv che, con un’esperienza maturata in 20 anni di attività, si occupa di creatività, content strategy e prodotti editoriali.
Il team
  • Maurizio RasioCommunication Manager e Relazioni Pubbliche: amministratore Unico di RealLife Television SpA, società specializzata nella creazione e aggregazione di contenuti multimediali sul web e nella distribuzione su tutte le piattaforme digitali;
  • Valentino PeressiIngegnere Progettista: diplomato con lode in Ingegneria Elettronica presso l’Università di Udine e socio fondatore della Dolphin srl. Attivo nel settore della ricerca e sviluppo ha maturato significative esperienze nell’industria e nell’elettronica consumer. È inventore di 3 brevetti europei di proprietà Electrolux;
  • Andrea Nonini Ingegnere Project Manager: diplomato in Ingegneria Elettronica presso l’Università di Udine e socio fondatore della Dolphin srl. Attivo nel settore dell’ingegneria e dello sviluppo di impianti industriali;
  • Nicola FerrarinDirettore Commerciale: socio e fondatore della Fabbro souvenir, motore del più importante importatore di souvenir in Europa e COO in diverse società in Italia, Grecia e Cambogia. Creatore del souvenir sartoriale;
  • Marco PoianiProject Manager: imprenditore nel modo della distribuzione su Roma, giornalista professionale dal 2007, fondatore e amministratore della Capitolina srl;
  • Giulio CudicioDevelopment Manager: imprenditore e socio di Dolphin Srl, Alpha Mobility e Fire. Ricopre il ruolo tecnico commerciale per Dolphin Automazione e Dolphin Energia e gestisce gli aspetti tecnici per Alpha Mobility e Fire;
  • Raffaele RasioBusiness Development Manager: imprenditore e business developer director in Allianz Italia, laureato in economia e commercio a Sapienza Università di Roma;
  • Zoltan FavettaCOO: ingegnere industriale, consulente direzionale. Coordinamento ed ottimizzazione delle attività operative e progettuali di Alpha Mobility;
  • Milica MilovanovicResponsabile Gestione Contatti: laureata in gestione della comunicazione aziendale, gestisce i canali di comunicazione aziendali e le varie campagne di comunicazione;
  • Luigi PanziniResponsabile Vendite: imprenditore e produttore televisivo, attivo da sempre nella creazione di reti commerciali, esperto in metodi di vendita attraverso il Marketing strategico, operativo e strutturato.

Quali sono state le sfide principali che hai dovuto affrontare durante il lancio dell’azienda e quali sono gli obiettivi raggiunti negli ultimi tempi?

Le imprese, su cui ha posto il focus la startup, hanno sempre maggiori difficoltà a fidelizzare nuovi clienti. La necessità di una maggiore fidelizzazione è connessa all’aumento della concorrenza e al cambiamento delle modalità di consumo, come ad esempio la grande diffusione del settore e-commerce e lo sviluppo di nuovi bisogni dei consumatori stessi. Per gli esercizi commerciali non è facile adattarsi a questi cambiamenti.

La pandemia ha aggiunto, inoltre, ulteriori problematiche scaturenti dalla riduzione delle fasce orarie di lavoro che hanno creato scompensi e cambiamenti repentini nella vita delle imprese, con crescente incertezza sul futuro prossimo. Le difficoltà che i retailers fisici devono affrontare si trasformano in grosse sfide che possono condurre al fallimento delle piccole e medie realtà imprenditoriali. Alcune delle problematiche comuni:

  • rapidi cicli di innovazione e di sviluppo dei prodotti che richiedono un’altissima capacità di adattamento e grande flessibilità
  • rapidi cambiamenti delle esigenze dei consumatori finali;
  • riduzione della brand loyalty;
  • inefficienza nel cogliere i principali driver del mercato con riguardo le nuove tecnologie.

In che mercato si inserisce Alpha Mobility e qual è la situazione in Italia?

Il mercato delle auto elettriche è in costante aumento: l’andamento è legato anche alle severe normative anti inquinamento che stanno spingendo le case automobilistiche a investire sulla mobilità elettrica, o comunque elettrificata. Ne risulta un deciso incremento dell’offerta di veicoli a emissioni zero con prezzi in discesa: entro il 2030, il 50% delle nuove auto vendute nel mondo saranno elettriche. Secondo un rapporto diffuso da Ubs, la banca d’affari svizzera, entro il 2040 nel mondo si acquisteranno solo veicoli elettrici: ecco i dettagli in un articolo di Repubblica.

Il report Motus-E

Il report annuale redatto dall’associazione Motus-E prova a scattare una fotografia dell’Italia sul fronte della transizione energetica. La crescita della mobilità elettrica è alimentata principalmente da due fattori: l’arrivo sul mercato di nuovi modelli, alcuni dei quali dai costi più accessibili e lo sviluppo di un’infrastruttura di ricarica diffusa. Riguardo il secondo aspetto, nonostante la pandemia e un generale rallentamento dell’economia, lo scenario italiano sta migliorando. A dicembre 2020 erano attivi 19.324 punti di ricarica sparsi per la penisola, dislocati in 9.709 stazioni accessibili al pubblico. Il 21% di queste, però, risulta attualmente non utilizzabile dagli utenti a causa di un mancato collegamento alla rete elettrica o per via della mancanza di autorizzazioni. In ogni caso, il dato si traduce in una crescita del 39% su base annua con una ripartizione delle colonnine così composta:

  • 80% su suolo pubblico; 
  • 20% su suolo privato ad uso pubblico (settore di interesse per Alpha Mobility). 

Rispetto al 2019, la crescita dei punti di ricarica si attesta all’81% (da 10.647 a 19.324), mentre con riferimento all’ultimo trimestre del 2020, la crescita dei punti di ricarica è stata del 16%; quella delle stazioni del 15%. 

Il CAGR annuo si stima pertanto intorno al 40%.

Il contesto in Italia e in Europa

Per quanto riguarda il mix di colonnine presenti, la situazione è ancora fortemente sbilanciata verso punti a corrente alternata, che rappresentano il 96% del totale. Riguardo la dislocazione geografica delle colonnine si può notare che il 57% delle infrastrutture si trova al Nord. Il 23% è presente al Centro e il 20% al Sud e nelle isole maggiori. La Lombardia guida con 3.326 installazioni; seguono Piemonte ed Emilia-Romagna, Lazio, Veneto e Toscana. Queste 6 regioni coprono insieme più del 60% del totale delle colonnine presenti in Italia e hanno contribuito per il 63% alla crescita complessiva della rete a livello nazionale. 

L’Italia si inserisce in un contesto europeo in cui la distribuzione delle colonnine di ricarica è alquanto disomogenea, con aree geografiche già coperte da una rete capillare e ben strutturata ed altre in cui la strada da percorrere è ancora molto lunga. I 4 Paesi europei che maggiormente spingono sull’elettrico sono Olanda (61.974 punti di ricarica pubblica), Germania (43.776), Regno Unito (36.500) e Norvegia (16.950).

Cosa differenzia Alpha Mobility dai suoi principali competitor?

L’adozione delle colonnine elettriche e la conseguente vendita di energia per le automobili crea un circuito win to win per tutti gli attori coinvolti: le imprese generano valore attraverso il loro parcheggio, offrendo un servizio utile ai propri clienti e ampliano le loro linee di revenue, inserendo degli introiti senza costi di manodopera (previsto solo l’esborso della rata del noleggio). Allo stesso tempo, dato che queste attività sono soggette a chiusura e limitazione delle ore di lavoro, causa COVID- 19, riuscirebbero a generare ricavi anche in momenti di totale chiusura, riuscendo a tamponare gli effetti economici della pandemia. In aggiunta le aziende ottengono un aumento del flusso di clientela grazie alla presenza della colonnina, fidelizzano i clienti e migliorano le finanze della propria impresa.

I consumatori finali, mentre svolgono le loro normali attività all’interno degli esercizi commerciali, effettuano rifornimento alle proprie auto elettriche senza doversi recare appositamente alle stazioni, guadagnando tempo libero e un’auto sempre rifornita di energia.

Come mai hai scelto l’equity crowdfunding?

La startup ha avviato la campagna di equity crowdfunding il 21 ottobre 2021, con una pre-money valutation pari a 4,5 milioni di euro. La scelta di adottare l’equity crowdfunding consente di raccogliere i fondi che andranno a rafforzare lo sviluppo del progetto migliorando la rete vendita e il marketing aziendale. Inoltre, il capitale raccolto darà il via al posizionamento delle stazioni di ricarica di proprietà presso comuni e grandi catene di negozi. La campagna non sarà utile solo a perfezionare il business in atto, ma anche ad aumentare la base dei soci e a creare una community, così da semplificare il processo di innovazione del prodotto e fornire una spinta importante alle relazioni pubbliche.

Quali sono gli obiettivi futuri di Alpha Mobility?

Gli obiettivi principali, per il momento, sono rafforzare lo sviluppo del progetto e posizionare le stazioni di ricarica di proprietà presso comuni e grandi catene di negozi, andando in questo modo a guadagnare l’utile solo attraverso la vendita di energia. 

Perché investire in Alpha Mobility? 

Il futuro è elettrico. È adesso il momento giusto per iniziare a investire in questo settore, così da essere pronti al futuro che arriverà, e riuscire ad essere i primi a trarre profitto da esso. 

Cosa consiglieresti ad altri imprenditori che vogliono avviare la loro impresa?  

Consiglierei di non avere paura, di guardarsi intorno e cogliere tutte le opportunità che l’ambiente esterno ci porge. 

Se ti è piaciuta la storia di Alpha Mobility raccontata dal suo CEO, Massimo Ferrarin, vai sul nostro sito. Manca poco alla chiusura della campagna!

POTREBBE ANCHE PIACERTI

Campagna di crowdfunding: quanto capitale serve per iniziare a investire?

Nell’ambito del crowdfunding come strumento finanziario, molti neofiti si chiedono quanto iniziare a investire. Questo dipende, anzitutto, dalla tipologia di crowdfunding in questione,...

L’equity crowdfunding di Petforce Srl per sostenere il benessere alimentare di cani e gatti

Petforce Srl è un’azienda specializzata nella distribuzione di cibo per cani e gatti e caratterizzata da un profondo amore e rispetto verso gli animali....

Comunicare le imprese innovative in crowdfunding: una chiacchierata su AI, podcast e comunicazione del futuro con Silvia Favulli di SCAI Comunicazione

Una buona strategia di comunicazione è tra le chiavi del successo per le imprese innovative in campagna...

Cosa succede dopo: come il peer-to-peer lending ha davvero aiutato le imprese

Il peer-to-peer lending è uno strumento di finanziamento alternativo che ha aiutato molte imprese a crescere e sostenere i loro progetti, ma anche a farsi conoscere e a costruire...