Strumenti finanziari per le PMI: perché emettere Minibond?

Blog di Crowdfunding

Strumenti finanziari per le PMI: perché emettere Minibond?

Giugno 07, 2022 Minibond

Le PMI in Italia hanno bisogno di strumenti finanziari alternativi perché spesso fanno fatica ad accedere a quelli tradizionali come il credito bancario, quando hanno bisogno di risorse per la crescita o per l’ottimizzazione delle passività. Le cause sono molteplici, dalla burocrazia lenta e complessa, alle condizioni economiche insostenibili, ai criteri di selezione stringenti. Il mondo fintech offre oggi numerose opportunità di finanza alternativa dedicate alle PMI, e una di queste è la possibilità di emettere Minibond.

L’osservatorio sui Minibond del Politecnico di Milano definisce questo strumento come “titoli di debito – obbligazioni e cambiali finanziarie – emessi da società italiane non finanziarie, quotate e non quotate in borsa, in virtù delle novità normative introdotte dal 2012 in avanti”. Più nello specifico, questi titoli di debito possono essere emessi da spa, srl oppure cooperative e il loro importo deve essere inferiore ai 50 milioni di euro. La normativa è stata stabilita dal cosiddetto decreto Sviluppo” del 22 giugno 2012

L’industria dei Minibond nel 2021 non solo ha recuperato i livelli pre-Covid, ma è cresciuta notevolmente anche rispetto a tali livelli.

Come funzionano

I Minibond funzionano come le normali obbligazioni finanziarie: la società che li emette ricava risorse economiche dalla loro vendita e riconosce agli investitori un tasso di interesse da pagare periodicamente e il rimborso completo entro una data di scadenza prefissata

Gli investitori possono essere di tre tipi: istituzionali, professionali su richiesta, oppure investitori non professionali che rispettino determinate condizioni – i cosiddetti wealthy retail, ovvero i privati facoltosi. Per approfondire le condizioni per essere considerato wealthy retail suggeriamo di visitare questa pagina.

A partire dal 2020 l’accesso a questo strumento finanziario è diventato più facile grazie all’estensione dei soggetti autorizzati alla collocazione di Minibond: anche i portali di equity crowdfunding autorizzati da Consob hanno ottenuto la possibilità collocare titoli di debito sulle loro piattaforme, in sezioni dedicate. Non tutti i portali autorizzati possono automaticamente collocare minibond, ma devono richiedere una specifica autorizzazione a Consob per operare anche come portali di debt crowdfunding.

emettere minibond

Emettere Minibond: vantaggi e svantaggi per le imprese

Emettere Minibond offre numerosi vantaggi alle imprese rispetto alle obbligazioni finanziarie tradizionali. Innanzitutto sono uno strumento meno complesso nelle procedure di emissione e molto meno costoso. Le PMI che ricorrono ai Minibond come fonte di finanziamento, inoltre, ottengono le risorse di cui hanno bisogno in tempi più rapidi, ma i vantaggi complessivi oltrepassano l’obiettivo finale:

  • opportunità di diversificare le fonti di debito, riducendo la dipendenza dagli istituti di credito tradizionali;
  • possibilità di scegliere se rimborsare il debito periodicamente insieme agli interessi oppure in un’unica soluzione alla scadenza dell’emissione;
  • accesso a nuove categorie di investitori, con cui instaurare una relazione utile per operazioni successive;
  • occasione per ripensare la pianificazione finanziaria dell’azienda migliorando il business plan;
  • agevolazioni fiscali;
  • visibilità e promozione del brand;
  • assenza di segnalazione in centrale rischi (Banca d’Italia).

Nello specifico, le agevolazioni fiscali si declinano in quattro aspetti:

  • esenzione della ritenuta alla fonte sui proventi corrisposti;
  • deducibilità del 30% degli interessi passivi;
  • deducibilità dei costi di emissione nello stesso esercizio in cui sono sostenuti;
  • possibilità di beneficiare della medesima imposta sostitutiva applicabile ai finanziamenti bancari a medio-lungo termine (pari allo 0,25% dell’importo finanziato e sostitutiva di imposte di registro, bollo, ipocatastali e tassa sulle concessioni governative).

Dal punto di vista della società, questo regime fiscale semplificato, normalmente è riservato alle società quotate, mentre nell’ambito dei Minibond si estende a società non quotate. Affinché gli investitori possano accedere alle agevolazioni fiscali, però, c’è una condizione: i titoli emessi devono essere negoziati in un mercato regolamentato o in un sistema multilaterale di negoziazione all’interno dell’UE, oppure devono essere detenuti da investitori qualificati ex art. 100 del Testo Unico della Finanza.

Questa potenziale barriera può tradursi in opportunità: nel 2019 anche Borsa Italiana, seguendo le orme della Borsa di Vienna, principale piazza dove vengono quotati i Minibond, per una serie di motivazioni tra cui costi e tempistiche ridotti, e la semplicità di quotazione,  ha lanciato Extra Mot Pro3, una piattaforma specifica e semplificata per la quotazione e lo scambio di Minibond, che permette di muovere i primi passi nel mondo dei mercati di capitali, ma in scala ridotta, con costi contenuti e requisiti di ammissione flessibili; un’esperienza che tornerà utile in caso di una futura quotazione in Borsa della società.

POTREBBE ANCHE PIACERTI

Campagna di crowdfunding: quanto capitale serve per iniziare a investire?

Nell’ambito del crowdfunding come strumento finanziario, molti neofiti si chiedono quanto iniziare a investire. Questo dipende, anzitutto, dalla tipologia di crowdfunding in questione,...

L’equity crowdfunding di Petforce Srl per sostenere il benessere alimentare di cani e gatti

Petforce Srl è un’azienda specializzata nella distribuzione di cibo per cani e gatti e caratterizzata da un profondo amore e rispetto verso gli animali....

Comunicare le imprese innovative in crowdfunding: una chiacchierata su AI, podcast e comunicazione del futuro con Silvia Favulli di SCAI Comunicazione

Una buona strategia di comunicazione è tra le chiavi del successo per le imprese innovative in campagna...

Cosa succede dopo: come il peer-to-peer lending ha davvero aiutato le imprese

Il peer-to-peer lending è uno strumento di finanziamento alternativo che ha aiutato molte imprese a crescere e sostenere i loro progetti, ma anche a farsi conoscere e a costruire...