Decreto Fintech e tokenizzazione degli strumenti finanziari digitali: cosa succederà

Blog di Crowdfunding

Decreto Fintech e tokenizzazione degli strumenti finanziari digitali: cosa succederà

Agosto 17, 2023 Cripto Asset / Economia e Finanza

Il Decreto n.25 del 17 marzo 2023, noto come Decreto Fintech, è un passo avanti importante per accelerare il progresso italiano nel campo degli strumenti finanziari digitali e fornire sempre più opportunità alle imprese per raccogliere capitali e crescere. La regolamentazione, infatti, è fondamentale per aprire la strada alle sperimentazioni e restare al passo con i tempi, garantendo però sicurezza, trasparenza e tutela degli investitori.

Avevamo già parlato degli interventi statali e di Consob per definire e regolamentare le STO (Security Token Offering): assistiamo ora a un proseguimento di quei lavori in direzione di una sempre maggiore agevolazione del progresso in ambito fintech.

Il Regolamento europeo

Il Regolamento europeo 2022/858 andava già in questa direzione, istituendo un regime pilota per le infrastrutture di mercato basate sulla tecnologia a registro distribuito (DLT, meglio nota come blockchain). L’obiettivo è quello di promuoverne l’applicazione al settore finanziario autorizzando operatori di mercato e imprese di investimento a costituire piattaforme di negoziazione di strumenti finanziari digitali.

Il regolamento menziona in particolare la tokenizzazione degli strumenti finanziari, “vale a dire la rappresentazione digitale di strumenti finanziari nei registri distribuiti o l’emissione di categorie di attività tradizionali in formato tokenizzato per consentirne l’emissione, la custodia e il trasferimento in un registro distribuito”, la quale “dovrebbe aprire nuove opportunità per incrementi di efficienza nel processo di negoziazione e post-negoziazione”.

Il Decreto Fintech è quindi un passaggio chiave per adeguare la normativa italiana al regolamento europeo e consentire alle imprese italiane di accedere alle stesse opportunità di quelle europee e agli operatori finanziari italiani di rimanere competitivi rispetto agli omologhi europei.

Tokenizzazione: cosa significa

I token sono rappresentazioni digitali di svariati tipi di asset, che permettono di negoziarli e trasferirli attraverso un registro distribuito. La tokenizzazione è quindi la trasformazione di un asset in un oggetto digitale. 

È possibile quindi tokenizzare strumenti finanziari quali azioni, quote di partecipazione, obbligazioni e altri titoli di debito per poi collocarli attraverso una blockchain per raccogliere capitale. È una nuova opportunità per piccole e medie imprese di accedere in modo più facile e meno costoso al mercato dei capitali.

Il principale vantaggio degli asset digitali è che, rispetto a quelli tradizionali, garantiscono più liquidabilità e più trasparenza, quindi possono essere più appetibili per gli investitori. 

Cosa dice il Decreto Fintech

Il Decreto Fintech stabilisce i requisiti e le procedure che gli operatori devono rispettare per ottenere l’autorizzazione a creare piattaforme di negoziazione e gestire registri distribuiti per la circolazione di strumenti finanziari digitali.

I soggetti che possono presentare istanza di iscrizione all’apposito albo alla Consob o alla Banca d’Italia sono:

  • banche, imprese di investimento e gestori di mercati stabiliti in Italia;
  • altri intermediari con sede in Italia limitatamente a strumenti di propria emissione o di entità del gruppo (intermediari finanziari iscritti all’albo di cui all’art. 106 del Testo Unico Bancario, istituti di pagamento, imprese di assicurazione ecc.);
  • altri emittenti non finanziari con sede legale in Italia in relazione esclusivamente a strumenti digitali di propria emissione;
  • ulteriori soggetti eventualmente individuati dalla Consob con regolamento.

Il decreto stabilisce poi precise norme di comportamento per gli operatori, finalizzate alla tutela degli investitori e dell’integrità del mercato. Il principale obbligo degli operatori riguarda la trasparenza: devono assicurare il corretto funzionamento del registro distribuito, consentire sempre l’identificazione dei soggetti coinvolti nelle transazioni, della tipologia e della quantità di strumenti finanziari sottoscritti, l’accesso da parte dei soggetti coinvolti e delle autorità (Consob e Banca d’Italia) alle transazioni stesse, tutelare i dati.

In conclusione, questo decreto apre la strada a nuove trasformazioni di tutto il settore fintech, oltre a quelle che stiamo per vedere con l’implementazione del Regolamento europeo sul Crowdfunding.

POTREBBE ANCHE PIACERTI

Cosa succede dopo: come il peer-to-peer lending ha davvero aiutato le imprese

Il peer-to-peer lending è uno strumento di finanziamento alternativo che ha aiutato molte imprese a crescere e sostenere i loro progetti, ma anche a farsi conoscere e a costruire...

Come iniziare a fare impresa: dall’idea al successo del tuo business

Un’impresa di successo nasce da una buona idea: spesso quando si raccontano queste storie si rievoca l’intuizione iniziale e poi si celebrano i traguardi ottenuti dal business....

Crowdfunding: la guida definitiva dalla A alla Z

Il termine crowdfunding nasce dall’unione delle parole inglesi crowd, che significa folla, e funding, che significa finanziare. In italiano, una traduzione appropriata è “finanziamento collettivo“,...

Euklis: la PMI innovativa che tutela la sicurezza delle persone

Euklis è una PMI innovativa specializzata in sicurezza, analisi video e intelligenza artificiale. Il suo obiettivo è garantire a tutte le persone i migliori standard di sicurezza sia in...