Investitore professionale: cosa succede con il Regolamento europeo sul Crowdfunding

Blog di Crowdfunding

Investitore professionale: cosa succede con il Regolamento europeo sul Crowdfunding

Aprile 19, 2023 Equity Crowdfunding

Le categorie di investitori in crowdfunding stanno per cambiare: l’entrata in vigore del Regolamento europeo sul Crowdfunding introduce la classificazione di investitore sofisticato, che sostituisce la categoria dell’investitore professionale e dell’investitore non sofisticato, che a sua volta sostituisce quella dell’investitore cosiddetto “retail”.

L’Italia, fra i Paesi europei, è sempre stata particolarmente attenta alla tutela degli investitori nell’ambito del crowdfunding, che è una modalità di investimento potenzialmente alla portata di tutti in quanto a esecuzione pratica, ma è anche ad alto rischio e quindi richiede una certa consapevolezza. Il Regolamento UE sul Crowdfunding, che dopo lunghe peripezie entrerà ufficialmente in vigore a novembre 2023, si muove nella stessa direzione, ma introduce nuove etichette e nuove regole.

Chi è l’investitore professionale oggi

Riepiloghiamo la definizione attuale di “investitore professionale”: è considerato tale un investitore sia pubblico sia privato che possieda le conoscenze e le competenze per compiere scelte finanziarie consapevoli e valutarne il rischio, grazie a una certa dose di esperienza nel campo.

Esempi di investitori professionali sono i soggetti autorizzati a operare sui mercati finanziari come banche, fondi di investimento, enti pubblici, assicurazioni ecc., ma anche imprese che abbiano almeno una delle seguenti caratteristiche: 

  • un totale attivo di bilancio di almeno 20 milioni di euro;
  • un fatturato netto di almeno 40 milioni di euro;
  • fondi propri di 2 milioni di euro.

Quindi tra i professionali rientrano i soggetti istituzionali, cioè che lavorano abitualmente con gli strumenti finanziari, che in gergo sono definiti investitori professionali di diritto. A questi si aggiungono i cosiddetti investitori professionali su richiesta, ovvero soggetti che fanno espressa richiesta a un intermediario – ad esempio a una banca – di essere trattati come investitori professionali. L’intermediario conduce un’istruttoria per classificare il cliente come professionale e in seguito ad essa rilascia al soggetto una attestazione del suo status.

Il regolamento Consob per l’equity crowdfunding, inoltre, prevede ulteriori categorie di investitori equiparati agli investitori professionali, tra cui le Fondazioni bancarie, gli incubatori certificati di startup e i cosiddetti Investitori a supporto delle PMI, cioè soggetti che rispettano determinati criteri di patrimonio e numero di investimenti eseguiti. Tale regolamento prevede l’obbligo di avere almeno un investitore professionale tra i sottoscrittori di una campagna di equity crowdfunding, il cui investimento deve coprire almeno il 5% del totale raccolto. In assenza di questa condizione, la campagna non è considerata valida.

Cosa cambia con il Regolamento Europeo sul crowdfunding: l’investitore sofisticato

A novembre 2023 scadrà il lungo periodo transitorio concesso dall’Unione Europea per l’adeguamento al nuovo Regolamento sul Crowdfunding e verranno adottate le nuove norme e le nuove etichette. Poco più di un mese fa, finalmente, l’Italia ha approvato il decreto attuativo per il recepimento del Regolamento, perciò la transizione è iniziata.

Tra i numerosi cambiamenti, ci sono provvedimenti orientati proprio a garantire una maggiore tutela degli investitori nell’ambito del crowdfunding. A questo fine, il Regolamento introduce la definizione di “investitore sofisticato” che sostituisce – o meglio modifica – quella di “investitore professionale” o “investitore qualificato”.

Secondo il testo normativo, un investitore sofisticato è “un investitore che è consapevole dei rischi connessi all’investimento sui mercati dei capitali e dispone di risorse adeguate ad assumersi tali rischi senza esporsi a eccessive conseguenze finanziarie”. Ma non finisce qui, infatti il legislatore europeo elenca i requisiti precisi da rispettare per essere considerati investitori sofisticati. Oltre agli investitori professionali di diritto e su richiesta, di cui abbiamo già parlato nel precedente paragrafo, i requisiti sono descritti di seguito.

Per le persone giuridiche, è necessario soddisfare almeno una delle seguenti condizioni:

  • fondi propri pari almeno a 100.000 euro;
  • fatturato netto pari almeno a 2 milioni di euro;
  • bilancio pari almeno a 1 milione di euro.

Per le persone fisiche, invece, è necessario soddisfare almeno due dei seguenti requisiti per essere classificati come investitori sofisticati:

  • reddito lordo personale di almeno 60.000 euro per anno di imposta, o un portafoglio di strumenti finanziari, inclusi i depositi in contanti e le attività finanziarie, di un valore superiore a 100.000 euro;
  • l’investitore lavora o ha lavorato nel settore finanziario per almeno un anno in una posizione professionale che richiede la conoscenza delle operazioni o dei servizi previsti, oppure l’investitore ha detenuto una posizione esecutiva per almeno 12 mesi all’interno di soggetti giuridici che possiedono i requisiti sopra descritti per le persone giuridiche;
  • l’investitore ha effettuato operazioni di dimensioni significative sui mercati dei capitali con una frequenza media di 10 operazioni al trimestre nei quattro trimestri precedenti.

Anche con il Regolamento europeo, per ottenere lo status di “investitore sofisticato” sarà necessario fare richiesta alla piattaforma di crowdfunding prescelta presentando la documentazione che attesti il possesso dei criteri appena elencati. 

Cambiano le diciture, quindi, ma la sostanza resta simile, anzi, come abbiamo visto sotto certi aspetti il Regolamento UE riduce le restrizioni rispetto a quello italiano. Uno di questi aspetti, forse il più importante, è che non sarà più necessario che almeno il 5% del capitale raccolto in equity crowdfunding sia sottoscritto da un investitore professionale (anzi, sofisticato). Questa novità elimina una condizione che poteva costituire un ostacolo al successo di una campagna di crowdfunding per alcune imprese. 

Ti interessa il crowdfunding? Vai su Opstart per conoscere tutti gli strumenti del nostro hub!

POTREBBE ANCHE PIACERTI

Campagna di crowdfunding: quanto capitale serve per iniziare a investire?

Nell’ambito del crowdfunding come strumento finanziario, molti neofiti si chiedono quanto iniziare a investire. Questo dipende, anzitutto, dalla tipologia di crowdfunding in questione,...

L’equity crowdfunding di Petforce Srl per sostenere il benessere alimentare di cani e gatti

Petforce Srl è un’azienda specializzata nella distribuzione di cibo per cani e gatti e caratterizzata da un profondo amore e rispetto verso gli animali....

Comunicare le imprese innovative in crowdfunding: una chiacchierata su AI, podcast e comunicazione del futuro con Silvia Favulli di SCAI Comunicazione

Una buona strategia di comunicazione è tra le chiavi del successo per le imprese innovative in campagna...

Cosa succede dopo: come il peer-to-peer lending ha davvero aiutato le imprese

Il peer-to-peer lending è uno strumento di finanziamento alternativo che ha aiutato molte imprese a crescere e sostenere i loro progetti, ma anche a farsi conoscere e a costruire...