Perché scegliere l’Equity crowdfunding

Blog di Crowdfunding

Perché scegliere l’Equity crowdfunding

Febbraio 03, 2022 Equity Crowdfunding

L’equity crowdfunding è un finanziamento collettivo nel capitale sociale di un’impresa, che avviene tramite una piattaforma online dedicata. Scegliere l’equity crowdfunding, in sostanza, consente a startup e PMI non quotate di raccogliere denaro da un vasto numero di investitori, cedendo in cambio titoli di partecipazione al capitale sociale dell’azienda. In cambio, l’investitore diventa quindi socio dell’azienda, acquisendo i conseguenti diritti che ne derivano, sia patrimoniali che amministrativi. Una campagna di equity crowdfunding, dunque, al di là delle difficoltà che derivano da investimenti ad alto rischio, rappresenta un’occasione interessante sia per l’impresa che per i finanziatori stessi. Ecco quindi quali sono i principali vantaggi per investitori e imprenditori che vogliono impegnarsi in una campagna di equity crowdfunding.

Sei un investitore? Ecco perché scegliere l’equity crowdfunding

Anzitutto, investire in startup o PMI tramite equity crowdfunding comporta, in caso di successo dell’azienda, guadagni potenzialmente molto elevati. In questo caso, le quote di cui si è in possesso saranno aumentate di valore, e si potranno rivendere con profitto. 

L’investimento, però, può anche non avere successo, cosa che accade di frequente a molte startup: il rischio che si corre è quindi quello di perdere tutto, o parte, dell’investimento iniziale. Non per niente, in questi casi, per portare a termine investimenti di successo è necessario diversificare, ossia investire piccole somme in società differenti, anziché grandi quantità di denaro in poche realtà con potenziale di crescita. Diversificare il portafoglio, quindi, permette alla lunga di compensare con i ricavi delle imprese di successo le perdite dovute al fallimento delle altre. 

Un altro vantaggio dell’equity crowdfunding è, infatti, la possibilità di investire a partire da piccole somme di denaro. Inoltre, l’investitore seleziona le imprese con potenziale di crescita, dopo una conoscenza approfondita e accurata della realtà in cui investe, arrivando così a partecipare alla cultura dell’innovazione di un settore di cui si è particolarmente appassionati o esperti. Non tutto è mosso dal profitto o dal riscontro economico: tra le motivazioni che portano gli investitori a partecipare in campagne di equity crowdfunding vi è, non a caso, la possibilità di investire in aziende innovative in ambito sociale o ambientale. Per esempio, è questo il caso di investimenti in piccole realtà che operano nel settore green, tanto che in questi casi si parla di green crowdfunding. La modalità di investimento è sempre e comunque trasparente, per cui l’investitore conosce l’azienda che finanzia, la sua missione e l’impatto che avrà su ambiente e territorio.

Un ulteriore vantaggio è l’assenza di volatilità dell’investimento. L’andamento dell’investimento, cioè, non risulta correlato all’andamento del mercato e non subirà bruschi mutamenti di prezzo: esso è infatti legato quasi completamente a fattori interni alla startup o PMI che l’investitore ha scelto di finanziare e al settore in cui opera.

Da ultimo, ma non meno importante, tramite l’equity crowdfunding un investitore arriva a sostenere l’economia reale italiana contribuendo al suo sviluppo, con conseguenze virtuose sul PIL, sulla creazione di posti di lavoro, nonché alla crescita di settori meno produttivi in cui operano le start-up e le PMI in questione.

Sei un’impresa? Ecco perché scegliere questo strumento

D’altro canto, anche per un’azienda i vantaggi non sono pochi.

Anzitutto, l’impresa in questione si trova meno esposta a banche e istituti di credito, da cui spesso PMI e startup faticano a ottenere finanziamenti. L’equity crowdfunding, invece, rappresenta un canale agile per raccogliere liquidità: in questo modo, l’impresa trova condizioni migliori rispetto ai canali bancari tradizionali. In secondo luogo, l’equity crowdfunding dà accesso a un bacino di svariati investitori, il che consente di diversificare le fonti di finanziamento

Inoltre, grazie a operazioni di equity crowdfunding, l’impresa non trova semplicemente dei creditori, ma si apre a nuovi soci. Tali soci, col tempo, potrebbero arrivare a costituire una solida community, vitale per la continuazione e il successo di qualsiasi impresa. Infine, tramite iniziative di equity crowdfunding, la start-up o la PMI può arrivare a coinvolgere come soci partner, clienti o fornitori fidati.

POTREBBE ANCHE PIACERTI

Cosa succede dopo: come il peer-to-peer lending ha davvero aiutato le imprese

Il peer-to-peer lending è uno strumento di finanziamento alternativo che ha aiutato molte imprese a crescere e sostenere i loro progetti, ma anche a farsi conoscere e a costruire...

Come iniziare a fare impresa: dall’idea al successo del tuo business

Un’impresa di successo nasce da una buona idea: spesso quando si raccontano queste storie si rievoca l’intuizione iniziale e poi si celebrano i traguardi ottenuti dal business....

Crowdfunding: la guida definitiva dalla A alla Z

Il termine crowdfunding nasce dall’unione delle parole inglesi crowd, che significa folla, e funding, che significa finanziare. In italiano, una traduzione appropriata è “finanziamento collettivo“,...

Euklis: la PMI innovativa che tutela la sicurezza delle persone

Euklis è una PMI innovativa specializzata in sicurezza, analisi video e intelligenza artificiale. Il suo obiettivo è garantire a tutte le persone i migliori standard di sicurezza sia in...