L’intelligenza artificiale al servizio delle risorse umane: la campagna equity crowdfunding della startup innovativa Wh Tech. S.r.l.

Blog di Crowdfunding

L’intelligenza artificiale al servizio delle risorse umane: la campagna equity crowdfunding della startup innovativa Wh Tech. S.r.l.

Maggio 03, 2024 Equity Crowdfunding

Whp.AI è il software di intelligenza artificiale sviluppato dalla startup innovativa Wh Tech S.r.l. per il settore HR (risorse umane). L’obiettivo della società è fornire una soluzione efficiente ed efficace che possa ottimizzare i processi legati alla ricerca, gestione e formazione del personale. Il progetto è attualmente in campagna di equity crowdfunding su Opstart e il nostro CEO Giovanpaolo Arioldi ha intervistato il founder, Davide De Lucis, per approfondire insieme a lui la raccolta e gli obiettivi futuri di Wh Tech S.r.l.

Da dove nasce l’idea di sviluppare la piattaforma Whp.AI? E quali sono le caratteristiche che differenziano il vostro progetto dai competitor?

L’idea di sviluppare Whp.AI è nata a seguito dell’esperienza maturata dal nostro team nell’esecuzione di progetti caratterizzati da un’organizzazione ibrida e remota della forza lavoro. Puglia Sviluppo Spa ha fornito un grande contributo, finanziando la primissima versione del software.

L’intelligenza artificiale cognitiva di Whp.AI è progettata per:

  • identificare i candidati migliori da assumere;
  • supportare il ricollocamento del personale;
  • proporre percorsi di sviluppo della carriera;
  • analizzare CV in inglese e in altre lingue del mondo;
  • configurare il miglior team di lavoro in base al tipo di progetto, business unit e box organizzativo.

In poche parole, Whp.AI permette di aumentare la produttività aziendale attraverso l’ottimizzazione di tutti i processi relativi all’HR.

Gli algoritmi cognitivi proprietari, sviluppati con la consulenza del Politecnico di Bari, sono in grado di proiettare la carriera professionale di un potenziale candidato attraverso la ricerca di informazioni nel web. Quindi, viene assegnato loro un punteggio e viene creata una classifica con i profili più adatti per la posizione lavorativa richiesta.

Ma non solo: grazie alla funzione OpenHR l’azienda può reclutare in real time talenti in “body rental”, ovvero ricercare manodopera temporanea proveniente da altre imprese (una necessità ricorrente soprattutto nel panorama ICT e nello sviluppo di software).

Un altro aspetto che desidero sottolineare è che la nostra piattaforma è conforme al GDPR (regolamento generale sulla protezione dei dati) ed è pronta sia per il panorama europeo, sia per quello USA: può essere integrata facilmente con tutti i servizi a monte, a valle e verticali del processo HR diventando il centro della talent intelligence aziendale, impattando e migliorando la ricerca del personale, l’addestramento professionale e l’organizzazione complessiva dei processi.

Whp.AI è pronta alla commercializzazione e in questi mesi diverse realtà – anche oltreoceano – hanno testato il prodotto. Quali sono stati i primi feedback delle aziende? La vostra piattaforma potrà essere competitiva anche negli Stati Uniti?

97,7% è la percentuale di performance ottenuta dalla nostra intelligenza artificiale cognitiva durante i test degli early adopter. Il nostro piano attuale è composto da società italiane, multinazionali e USA e il valore potenziale della pipeline commerciale – composta da aziende che hanno ultimato il test e stanno valutando l’acquisto – è di circa 120.000 €.

Per il mercato italiano sono stati già presi accordi con professionisti con rinomate capacità commerciali e un ampia rete di contatti B2B. La cosa ancor più interessante è che in questi ultimi due mesi abbiamo presentato la piattaforma ad aziende multinazionali (tra le prime 5 al mondo nel loro settore) che hanno espresso interesse ad approfondire l’uso e l’integrazione dell’intelligenza artificiale di Whp.AI nei loro processi HR.

In merito agli USA, insieme all’azienda dell’area metropolitana di New York classificata più volte come la numero uno dei servizi IT della città (dove sono stato da dicembre 2023 a febbraio 2024), abbiamo esplorato il mercato ed è emerso che Whp.AI è competitiva anche negli Stati Uniti (sia in termini tecnologici che di prezzo). Attualmente con l’azienda di New York stiamo lavorando a una potenziale partnership commerciale per la rivendita della piattaforma nel mercato USA.

Inoltre, Whp.AI è entrata nel programma ISV Microsoft ed entro il 2024 distribuiremo il nostro software anche tramite il marketplace B2B Microsoft.

Whp.Ai si basa sull’intelligenza artificiale: in generale, quali benefici pensate possa portare questa tecnologia al settore HR?

Sulla base dei risultati emersi dall’utilizzo di Whp.AI durante i test e la fase di early adoptation, pensiamo che l’intelligenza artificiale possa portare i seguenti benefici nel settore HR:

  • recruiting più efficiente: 41% di tempo in meno nei processi di selezione (+ di 100 CV letti, analizzati e classificati in 10 minuti, contro 1 singolo curriculum analizzato e classificato da un umano nello stesso tempo);
  • focus sulle competenze potenziali: Whp.AI è in grado di individuare le competenze potenziali, quelle implicate e quelle correlate nel curriculum o nella scheda del personale anche quando queste non sono espressamente scritte;
  • configurazione del miglior team: per essere più efficaci nelle proposizioni commerciali e nella realizzazione di progetti;
  • analisi predittive del turn-over, piani di successione e formazione continua: gli algoritmi di Whp.AI sono utili per i programmi di ricollocamento del personale, di successione, di crescita professionale attraverso l’apprendimento di nuove competenze (il software propone corsi di formazione in base ai singoli profili).

La campagna è già overfunding! Vi aspettavate un risultato di questo tipo? E perché avete scelto proprio l’equity crowdfunding come strumento per finanziare la crescita della vostra startup innovativa?

In quanto startup innovativa, abbiamo scelto l’equity crowdfunding per accelerare il percorso tecnologico e commerciale nel quale vogliamo coinvolgere precursori, visionari e amanti dell’innovazione con la voglia di impattare positivamente sulle organizzazioni e sulle generazioni di lavoratori attuali e future.

Siamo soddisfatti del risultato, non solo economico con il raggiungimento dell’obiettivo minimo della campagna, ma anche in merito alla tipologia di investitori coinvolti: tutti altamente qualificati e competenti, a riprova della bontà del progetto, della vision e della tecnologia proposta dalla nostra startup innovativa.

Il crowdfunding è il primo tassello per l’espansione di Whp.AI.

Come utilizzerete i capitali raccolti durante questa campagna di crowdfunding? E quali sono gli obiettivi futuri di Wh.Tech?

Nel nostro piano d’impresa sono previsti investimenti finalizzati al miglioramento tecnologico della piattaforma Whp.AI, al suo sviluppo commerciale, all’ampliamento del team e alla protezione della proprietà intellettuale.

Nei prossimi tre anni il nostro obiettivo è quello di rendere Whp.AI una piattaforma sempre più integrata con applicazioni come, per esempio, LinkedIn, HireviewSAP, Oracle e altri software in ambito HR. Inoltre, vogliamo mantenere un alto livello competitivo e, soprattutto, distintivo con continue integrazioni e aggiornamenti di funzionalità e strumenti utili sia per i candidati che per le aziende.

Chiaramente, il focus sulle attività commerciali resta primario: inizieremo ad attivarci già quest’anno sul mercato italiano. Successivamente, lo sguardo sarà rivolto anche ai mercati esteri, specialmente a quello statunitense.

Siete una startup innovativa che in pochi anni ha già raggiunto molti traguardi. Quali consigli senti di dare a tutti gli investitori/investitrici che vorrebbero avviare la propria attività?

In base alla mia esperienza, i concetti chiave per l’avvio di una startup sono tre.

  1. Comprensione del mercato: osservate i trend e anticipate i cambiamenti. Non fatevi guidare dall’entusiasmo e dalla volontà di autorealizzazione.
  2. Non accontentatevi: spingetevi oltre e chiedetevi sempre di più. Le opportunità sono là fuori, basta saperle cogliere.
  3. Resilienza e perseveranza: non arrendetevi mai. I risultati non arrivano subito, ma siate oggettivi. Imparate a gestire il cash flow della vostra azienda, pianificate e dedicate tutte le vostre energie per raggiungere gli obiettivi che vi siete prefissati.

Il software Whp.AI ti incuriosisce? Scopri tutti i dettagli del progetto sul nostro portale!

POTREBBE ANCHE PIACERTI

Campagna di crowdfunding: quanto capitale serve per iniziare a investire?

Nell’ambito del crowdfunding come strumento finanziario, molti neofiti si chiedono quanto iniziare a investire. Questo dipende, anzitutto, dalla tipologia di crowdfunding in questione,...

L’equity crowdfunding di Petforce Srl per sostenere il benessere alimentare di cani e gatti

Petforce Srl è un’azienda specializzata nella distribuzione di cibo per cani e gatti e caratterizzata da un profondo amore e rispetto verso gli animali....

Comunicare le imprese innovative in crowdfunding: una chiacchierata su AI, podcast e comunicazione del futuro con Silvia Favulli di SCAI Comunicazione

Una buona strategia di comunicazione è tra le chiavi del successo per le imprese innovative in campagna...

Cosa succede dopo: come il peer-to-peer lending ha davvero aiutato le imprese

Il peer-to-peer lending è uno strumento di finanziamento alternativo che ha aiutato molte imprese a crescere e sostenere i loro progetti, ma anche a farsi conoscere e a costruire...