Investire in economia reale con il real estate crowdfunding: tutto quello che devi sapere

Blog di Crowdfunding

Investire in economia reale con il real estate crowdfunding: tutto quello che devi sapere

Maggio 04, 2024 Real Estate

Investire in economia reale significa sostenere economicamente le imprese che si occupano della produzione e distribuzione di beni e servizi. Abbiamo parlato in un articolo precedente sull’investimento in economia reale di come questa operazione sia contrapposta all’investimento sui mercati finanziari. Le due attività non si escludono a vicenda e la diversificazione è sempre la strategia più efficiente.

Tra i beni più “concreti” in cui è possibile investire ci sono i beni immobiliari: da sempre l’investimento nel mattone è considerato solido, molto spendibile e dal grande potenziale. La finanza alternativa lo ha reso anche più accessibile.

Cosa significa investire in economia reale con il real estate crowdfunding

L’investimento immobiliare richiede normalmente una disponibilità di capitale elevata e una trafila burocratica lunga e complessa.

Con il crowdfunding, l’investimento immobiliare viene suddiviso tra più persone, diventando così accessibile a un pubblico più ampio e permettendo una più vasta diversificazione. Gli investitori, infatti, possono partecipare a più campagne di crowdfunding per progetti immobiliari diversi, investendo in ciascuna anche piccole cifre.

Il singolo progetto viene portato a termine grazie al contributo di tutti gli investitori, anziché gravare sulle spalle di uno solo. Gli oneri burocratici restano in capo all’azienda promotrice del progetto e gli investitori non devono occuparsi della gestione del bene, come invece accadrebbe se acquistassero ciascuno il proprio immobile.

Investire in real estate crowdfunding, infine, permette di accedere a progetti immobiliari innovativi e all’insegna della sostenibilità.  Sono le aziende all’avanguardia, infatti, quelle più inclini a scegliere gli strumenti di finanza alternativa.

Equity e lending crowdfunding per il settore immobiliare

Le operazioni di real estate crowdfunding si possono svolgere sia in modalità lending sia in modalità equity. Si può quindi investire in economia reale in questo settore in due forme, scegliendo in base al capitale a disposizione e alle proprie necessità di liquidità.

Le campagne di equity crowdfunding permettono agli investitori di acquistare quote dell’impresa che vuole costruire o ristrutturare un immobile e quindi di partecipare ai profitti che deriveranno dalla vendita o dall’affitto dell’immobile stesso. Ogni investitore diventa quindi proprietario di una porzione di immobile, proporzionale al capitale investito.

Le campagne di lending crowdfunding, invece, permettono agli investitori di prestare capitale all’impresa immobiliare e quindi di ricevere indietro lo stesso capitale maggiorato degli interessi concordati. In questo caso l’investitore non diventa proprietario dell’immobile, ma ne è un finanziatore.

Nel real estate crowdfunding la scelta del lending è di gran lunga prevalente e riscuote grande successo. Si è confermata anche nel 2023, infatti, la modalità trainante dell’intero mercato del crowdinvesting. È una procedura snella e funzionale per le imprese immobiliari, che hanno bisogno di liquidità in tempi brevi e in più tranche per portare avanti i progetti, e offre buoni rendimenti agli investitori.

Le opportunità per investire in economia reale con il real estate crowdfunding di Opstart

La sezione real estate crowdfunding di Crowdlender ha uno storico che vanta il 100% di success rate delle operazioni. Attualmente, per esempio, è possibile partecipare alla campagna di lending crowdfunding di Immobili e Soluzioni, società giunta alla quarta operazione sul nostro portale. I capitali raccolti saranno destinati alla ristrutturazione e riqualificazione di un complesso immobiliare di Bergamo da destinare all’uso abitativo e per il quale ci sono già proposte di acquisto. L’interesse dell’investimento è dato anche dal vincolo di destinazione in favore degli investitori posto sull’immobile: in seguito alla vendita, l’impresa dovrà rimborsare in via prioritaria gli investitori e solo successivamente potrà incassare l’eccedenza.

Sul versante equity crowdfunding, invece, è aperta la campagna di Extrafin, società di consulenza per PMI e startup quotata alla Borsa di Vienna, che ha l’obiettivo di creare il primo hub finanziario immerso in un contesto turistico: il capitale raccolto con la campagna servirà a finanziare la ristrutturazione e la rimodernizzazione dello Schlosswirt hotel Castello in provincia di Trento.

Abbiamo acceso la tua curiosità? Scopri le nostre operazioni!

POTREBBE ANCHE PIACERTI

Come promuovere una campagna di crowdfunding: quello che devi sapere per partire col botto

La prima cosa da sapere per promuovere una campagna di crowdfunding è che bisogna iniziare molto prima di lanciare la campagna stessa. La fase cruciale è quella...

ETF: tutti i segreti dell’Exchange Traded Fund

Gli ETF sono particolari fondi di investimento utili per chi vuole investire in autonomia, perché non richiedono un’elevata competenza finanziaria e coprono praticamente qualsiasi strumento finanziario...

BOS5 e internazionalizzazione: un portale a supporto delle piccole e medie imprese italiane

BOS5 è una startup innovativa nata per supportare le piccole e medie imprese italiane durante la loro fase di espansione nei mercati esteri. Il processo d’internazionalizzazione...

Casi di successo: ToGet4U e la crescita dopo l’equity crowdfunding su Opstart

Una campagna di crowdfunding di successo è solo l’inizio di un percorso di crescita per un’impresa, e ciascuna azienda può compiere scelte diversissime sull’utilizzo...