Policy conflitto di Interessi | Opstart.it, Equity Crowdfunding
Policy conflitto di Interessi

Il Gestore adotta ogni misura ragionevole per identificare i conflitti di interesse che potrebbero insorgere con il cliente (Investitore od Offerente) o tra clienti (Investitori ed Offerenti), al momento della prestazione di qualunque servizio.

Il Portale gestisce i conflitti di interesse anche adottando idonee misure organizzative e assicurando che l’affidamento di una pluralità di funzioni ai soggetti rilevanti impegnati in attività che implicano un conflitto di interesse non impedisca loro di agire in modo indipendente, così da evitare che tali conflitti incidano negativamente sugli interessi dei clienti (Investitori ed Offerenti).

Ai fini dell’identificazione dei conflitti di interesse che possono insorgere nella prestazione dei servizi e che possono danneggiare gli interessi di un cliente (Offerente o Investitore), il Gestore considera se a seguito della prestazione di servizi, un soggetto rilevante o un soggetto avente con il gestore un legame di controllo, diretto o indiretto:

  • possa realizzare un guadagno finanziario o evitare una perdita finanziaria, a danno del cliente; (Investitore o Offerente);
  • sia portatore di un interesse nel risultato del servizio prestato al cliente, distinto da quello del cliente medesimo; (Investitore o Offerente);
  • abbia un incentivo a privilegiare gli interessi di clienti diversi da quello a cui il servizio è prestato;
  • svolga la medesima attività del cliente; (Offerente o Investitore);
  • possiede una partecipazione al capitale dell’Offerente, stock options od altro patto in base al quale potrà in futuro acquistare una partecipazione nel capitale dell’offerente;
  • ha svolto o svolge una prestazione lavorativa a favore dell’Offerente che non sia stata pagata, in tutto o in parte, al momento della presentazione dell’offerta;
  • ha ricevuto ed accettato una proposta per una prestazione lavorativa (ad eccezione della commissione da ricevere in base al buon esito dell’operazione di Equity Crowdfunding) subordinata al buon esito dell’offerta da presentare sul portale o comunque retribuita anche grazie i capitali raccolti tramite l’offerta.

Al fine di presidiare e neutralizzare ulteriori residui rischi di potenziali conflitti di interessi, il Gestore in modo sistematico e per ogni singola offerta, già nella fase preventiva di approfondimento istruttorio e successivamente fino alla conclusione del Collocamento verifica se un soggetto rilevante dell’Offerente o di una parte ad esso correlata, avente con lo stesso un legame di controllo, diretto, indiretto o un ruolo di amministratore, collaboratore o dipendente che, possa rientrare nelle seguenti situazioni:

  • realizzare un guadagno finanziario o evitare una perdita finanziaria, a danno dell’Offerente, del Portale o degli Investitori;
  • essere portatore di un interesse nel risultato del servizio prestato al cliente, distinto da quello dell’Offerente, del Portale o degli Investitori;
  • abbia un incentivo a privilegiare gli interessi di soggetti diversi dall’Offerente, dal Portale o dagli Investitori;
  • svolga la medesima attività del dell’Offerente, del Portale o degli Investitori.

 Non rappresenta conflitto di interessi l’eventualità che, in un momento successivo all’inizio dell’offerta, Opstart o un soggetto per essa rilevante o ad essa correlato, collegato o collegabile; possa fornire servizi o intrattenere rapporti di carattere economico, finanziario o di interessi con l’Offerente.

Qualora una delle Parti dovesse trovarsi di fronte a operazioni di potenziale conflitto di interessi, informerà l’altra Parte, procedendo ad una valutazione del potenziale conflitto di interessi, ispirandosi a principi di etica, trasparenza, imparzialità, correttezza, lealtà e collaborazione, nel rispetto delle norme di legge, del segreto professionale e dei regolamenti emanati dagli organi di vigilanza.

Se a seguito della valutazione del potenziale conflitto di interessi si dovesse decidere di dar seguito ad una o più operazioni, le Parti procederanno a darne adeguata informativa agli investitori basandosi su principi di immediatezza e massima trasparenza informativa sia sul sito dell’Offerente che del Gestore.

Nei casi in cui dovesse emergere che, neanche attraverso l’informativa sia possibile dirimere il conflitto di interessi, le Parti prenderanno in considerazione la possibilità di adottare disposizioni volte ad assicurare soluzioni di separatezza ed indipendenza funzionale.

Qualora anche attraverso l’eventuale adozione di soluzioni di separatezza e indipendenza funzionale si dovesse reputare che non sia possibile dirimere il conflitto di interessi, le Parti desisteranno dall’effettuare una o più delle operazioni di potenziale conflitto di interessi.

In ogni caso, qualora si dovesse decidere di procedere le Parti implementeranno un sistema di gestione di eventuali reclami, strutturato in modo tale da assicurare che l’analisi delle contestazioni eventualmente presentate dagli investitori, venga svolta da personale estraneo alle attività oggetto delle operazioni di potenziale conflitto di interessi, assicurando in tal modo un giudizio indipendente.

Resta in ogni caso inteso che il Gestore presidierà le attività oggetto di potenziale conflitto di interessi ed aggiornerà costantemente la presente policy apportando quelle modifiche che si siano rese necessarie a seguito dell’esperienza effettuata durante lo svolgimento della propria attività.

  
Richiedi Informazioni

Email (*)

Messaggio