ENOLÒ – Prosegue la campagna di crowdfunding della startup B2B pensata per i professionisti del vino | Opstart.it, Equity Crowdfunding
09 maggio 2018
ENOLÒ – Prosegue la campagna di crowdfunding della startup B2B pensata per i professionisti del vino
L’azienda permette ai clienti un rapido accesso all’innovazione, senza doversi accollare investimenti in infrastrutture o competenze proprie…
enolo logo.pngContinua la campagna di equity crowdfunding sul portale Opstart di Enolò, l’innovativa startup B2B pensata per i professionisti del settore vinicolo, sia produttori che dealers (come ristoranti, enoteche, bar, eccetera).
L’azienda offre un marketplace al quale sono integrati servizi di outsourcing logistico, di supporto nello sviluppo delle relazioni commerciali e di comunicazione.
Enolò è un partner strategico per i professionisti del settore perché, a differenza delle tante iniziative imprenditoriali che vendono online al consumatore finale, rivelandosi canali alternativi e concorrenti di quelli esistenti, offre soluzioni tecnologiche e servizi necessari a disintermediare ed eliminare ridondanti e costosi passaggi di una filiera distributiva che mortifica il profitto delle cantine e dei loro dealers.
Enolò Ecosistema seconda uscita piccola.pngEnolò permette un accesso immediato all’innovazione senza che gli utenti siano costretti ad accollarsi investimenti in infrastrutture o competenze proprie: i servizi digitali sono tutti disponibili in cloud computing e quelli logistici in outsourcing.
La particolarità della startup consiste nel fatto che non compra e non vende vino, non applica commissioni sui prezzi di vendita delle cantine e non effettua intermediazione commerciale; i suoi ricavi derivano dai servizi a pagamento eseguiti per conto dei produttori che sono i clienti dell’azienda.

Il business model può essere sintetizzato in pochi e semplici punti:

  • Il produttore, con il supporto di Enolò, inserisce sul marketplace CartadeiVini tutte le informazioni riguardanti i propri vini e il proprio brand: schede tecniche, contenuti editoriali, iniziative promozionali, condizioni commerciali e molto altro ancora per gestire le proprie policy commerciali.
  • Il produttore deposita presso l‘hub logistico di Enolò i vini che decide di vendere e utilizza i servizi di marketing digitale, di CRM e di comunicazione, delegando tutte le attività logistiche ad Enolò: dalla presa in cantina, al deposito, dal warehousing alla consegna finale ai dealers.
  • Il dealer trova sulla web app “CartadeiVini” l’assortimento dei vini presenti nel magazzino di Enolò, con le informazioni tecniche e commerciali a lui riservate e acquista al miglior prezzo, in un unico ordine, il vino prescelto di ogni produttore.
  • “CartadeiVini” gestisce in automatico il processo di acquisto (check out dell’ordine, transazione del pagamento, emissione delle fatture) e quello logistico (handling, spedizione, tracking degli ordini, ecc.).
  • Il dealer per mezzo di “CartadeiVini”, aggiorna le scorte dei vini semplicemente con dei click, realizza e stampa senza limiti la propria winelist in formato cartaceo e digitale, con il proprio brand e personalizzandone il layout. “CartadeiVini” dispone di strumenti CMS integrati con i canali social, per comunicare e promuovere l’attività di marketing digitale.

Investire in Enolò può essere vantaggioso per le dimensioni del settore vinicolo, un’eccellenza dell’economia italiana che esercita una forte attrattività nei confronti di investitori sia privati che istituzionali, caratterizzato da un trend di crescita e alla continua ricerca di prodotti di qualità sempre maggiore.

Enolo-Platform-Economy seconda uscita piccola.jpgLe cifre del B2B parlano chiaro: oltre 50.000 brand nazionali che imbottigliano più di 3 miliardi di bottiglie di vino di qualità (DOP-IGP) di cui circa 850 milioni distribuiti dai dealers del canale “bere fuori casa”.
Partecipare Enolò può essere appetibile per i suoi vantaggi in termini di ritorno degli investimenti: la sua struttura dei costi, in gran parte variabili, è in grado di generare rapidamente cassa e la mancanza di merci da vendere, riduce notevolmente il fabbisogno delle immobilizzazioni finanziarie.
Durante le prime settimane della campagna di crowdfunding, è emerso un significativo interesse verso Enolò da parte di operatori industriali, in particolare della logistica, che sarebbero interessati al suo know how innovativo, sia come investitori che come partner tecnici.
www.websim.it
www.websimaction.it

 

The post ENOLÒ – Prosegue la campagna di crowdfunding della startup B2B pensata per i professionisti del vino appeared first on Websim Action.

  
Richiedi Informazioni

Email (*)

Telefono

Messaggio

Logo Opstart Crowdfunding

Se vuoi rimanere informato sulle nostre attività, iscriviti alla nostra Newsletter

  •   Friends: Grande successo per la società benefit bergamasca: grandi vantaggi per chi investe e aderisce alla prima social community dell’energia. -  CAPITALE RACCOLTO:383%  
  •   Motus Quo: La prima piattaforma di P2P lending a lanciare una campagna di equity crowdfunding. -  CAPITALE RACCOLTO:38%  
  •   Enolò: “Un progetto ampio che va dalla porta della cantina al tavolo del ristorante”. Così Gambero Rosso definisce Enolò, la startup che punta su un nuovo modello di business B2B nella distribuzione dei vini. -  CAPITALE RACCOLTO:42%  
  •   ISkilled: Il I trimestre 2018 segna un fatturato del +100% rispetto al I trimestre 2017. Sei un professionista? Se investi in Iskilled, per te un anno di formazione gratuita! -  CAPITALE RACCOLTO:65%  
  •   Eatintime: WebSim pubblica un articolo dove illustra i successi della startup torinese che porta il food delivery nelle piccole città. -  CAPITALE RACCOLTO:116%  
  •   Criptomining: Grande successo per la fabbrica di criptovalute milanese: overfunding in poche ore e investitori da tutta Italia -  CAPITALE RACCOLTO:218%  
  •   Protagonista all’IoThings di Milano con il progetto #NaviCare realizzato insieme all’IRCCS Istituto Ortopedico Galeazzi. -  CAPITALE RACCOLTO:101%