EATINTIME – Il food delivery che va oltre il food delivery | Opstart.it, Equity Crowdfunding
13 aprile 2018
EATINTIME – Il food delivery che va oltre il food delivery

itin time logo piccola.pngEatintime è il food delivery che va oltre il food delivery. La startup, infatti, non si ferma solo alla consegna a domicilio e all’ordinazione d’asporto, ma integra una serie di servizi digitali per facilitare la vita a ristoratori e clienti.

Recentemente, per esempio, attraverso la sua piattaforma è possibile anche prenotare i tavoli. La società, insomma, mette a disposizione uno strumento informatico che permette di ottimizzare la gestione dell’attività di ristorazione, puntando anche su clienti offline che preferiscono richiedere un pasto a domicilio alzando la cornetta.

“Oggi il 95% delle ordinazioni a domicilio viaggia via telefono”, spiega Pierluigi Coppola, amministratore delegato dell’azienda. Grazie ad Eatintime è il Ristorante a riceve gli ordini “tradizionali” –prosegue Coppola – e ad utilizzare uno strumento informatico che funziona con un algoritmo sviluppato dal nostro team”.

Altra particolarità dell’azienda è il modello di sviluppo improntato sul franchising. L’idea nasce nel 2015, pensando ai ristoratori stufi delle “multinazionali che entrano in punta di piedi e poi impongono le loro condizioni ai locali, dicendo quello che bisogna fare e come lo si deve fare”, racconta Pierluigi Coppola.

itintime5 piccola.jpeg“Inizialmente l’idea era di essere un clone di JustEat – prosegue Coppola – ma poi questa strategia è tramontata perché abbiamo capito che con l’arrivo di Foodora e di altri grossi player il ristorante avrebbe puntato su un partner flessibile e affidabile e l’utente ad un servizio di qualità. Eatintime ha deciso di scommettere su una serie di servizi per fare innovazione in questo settore”.

Per proseguire nella difficile sfida alle multinazionali, Eatintime punta a sviluppare ulteriormente questa filosofia “artigianale” della qualità e dei servizi integrati. L’azienda ha così deciso di lanciare una campagna di equity crowdfunding sul portale opstart.it. Il traguardo è fissato a 100 mila euro, di cui oltre 28 mila sono già stati raccolti. In caso di investimento pari o superiore a 15 mila euro verranno assegnate quote di tipo “A” con diritto di voto.

“Con i finanziamenti ottenuti le priorità saranno quelle di rafforzare la nostra presenza nelle province piemontesi e di sviluppare ulteriormente la nostra piattaforma – spiega l’amministratore delegato – Inoltre punteremo a spingere il nostro modello di business improntato sul franchising con l’apertura di nuovi punti. Stiamo già contrattando per aprire in altre città. E questa è solo la prima campagna di equity crowdfunding, ma successivamente pensiamo di avviarne un’altra”.

Una parte dei fondi, inoltre, verrà destinata ad attività di marketing.
Attualmente Eatintime, che ha sede a Torino, è presente anche a Perugia e nella Provincia di Milano (Melzo, Pioltello, Rodano, Cernusco sul Naviglio, Segrate, Gallarate, Busto Arsizio, Castellanza, Legnano). Le trattative in corso, invece, serviranno per espandersi nelle provincie di Varese, Monza-Brianza, Roma e Bari.

Queste località sono scelte seguendo una strategia precisa: oltre alle grandi città, l’azienda punta ad avere una presenza anche nelle aree medio-piccole spesso trascurate dalle grandi compagnie del food delivery.

itintime1 piccola.jpgE sempre in linea con la filosofia dei servizi integrati, l’azienda offre sia il pagamento in contanti che con metodi digitali, come l’utilizzo della piattaforma Satispay. Il ristoratore potrà anche gestire gli incassi, sia online che offline a seconda delle sue preferenze. Dal punto di vista dell’innovazione, inoltre, Eatintime ha sviluppato una tecnologia integrabile con i software gestionali (per la contabilità, il magazzino ecc.) delle attività: in questo modo è possibile usufruire di tutti i servizi attraverso un unico dispositivo (come un tablet).

Nel I trimestre 2018, con più di 12 mila ordini, le città di Torino e di Perugia hanno generato per la startup un fatturato di circa 72 mila euro (130 mila Euro nel 2017): una crescita del 50% rispetto al IV trimestre 2017 e superiore del 55% rispetto alle previsioni del business plan. Ad oggi, Eatintime ha oltre 10 mila utenti.

www.websim.it
www.webimaction.it

 

The post EATINTIME – Il food delivery che va oltre il food delivery appeared first on Websim Action.

  
Richiedi Informazioni

Email (*)

Telefono

Messaggio

Logo Opstart Crowdfunding

Se vuoi rimanere informato sulle nostre attività, iscriviti alla nostra Newsletter

"Cliccando Conferma, dichiaro di aver preso visione dell'informativa privacy pubblicata al link e dichiaro altresì di prestare consenso - ex art. 7 Reg.to UE 679/2016 - al trattamento dei miei dati personali per le finalità, ivi specificate, inerenti ad attività di marketing, pubblicitarie o promozionali quali, nello specifico, l'invio di newsletter informative da parte di Opstart S.r.l."

  •   Verum: Un servizio di nutrizione personalizzato in un settore che vede la presenza di oltre 60.000 animali domestici in Italia. -  CAPITALE RACCOLTO:12%  
  •   Weldpay Partita la campagna di Safepay Italia Srl: investi nella startup innovativa che offre un servizio sicuro anti-frode per gli acquisti on line. -  CAPITALE RACCOLTO:32%  
  •   Brandorbi: Startupitalia celebra il payoff "Adotta un brand per una sera” della startup italiana che ha ripensato in chiave personale l’influencer marketing. -  CAPITALE RACCOLTO:48%  
  •   Bloovery: Overfunding del 104% per la startup che digitalizza il settore del flower delivery. Puoi investire fino al 25 luglio. -  CAPITALE RACCOLTO:106%  
  •   UbiObe: Chiusa in overfunding la campagna di raccolta per sviluppare la prima piattaforma per gli oltre 6 milioni di obesi in Italia! -  CAPITALE RACCOLTO:119%  
  •   Friends: Grande successo per la società benefit bergamasca, che ha quadruplicato l’obiettivo di raccolta! -  CAPITALE RACCOLTO:392%  
  •   Enolò: “Un progetto ampio che va dalla porta della cantina al tavolo del ristorante”. Così Gambero Rosso definisce Enolò, la startup che punta su un nuovo modello di business B2B nella distribuzione dei vini. -  CAPITALE RACCOLTO:80%  
  •   Eatintime: WebSim pubblica un articolo dove illustra i successi della startup torinese che porta il food delivery nelle piccole città. -  CAPITALE RACCOLTO:112%